Respire

Circoncentrique

21 marzo 2020 | 20:45


“La respirazione è ritmica, si svolge in due fasi, l’inspirazione e l’espirazione. Il respiro è un buon esempio di polarità, i due poli inspira-espira, producono un ritmo attraverso il loro scambio continuo e regolare”.
Alessandro Maida e Maxime Pythoud lavorano in una scena spoglia in cui gli unici elementi scenografici sono lampade appese che sono essi stessi a manovrare, rendendo l’illuminazione un’azione scenica visibile e ricercata.
Il resto è un quadro rotondo, una rotazione ammaliante, una sensazione di leggerezza e di pericolo. Una giocoleria al contrario, dove il manipolatore è lanciato, sorretto e proiettato dal suo stesso oggetto.


Circoncentrique

Compagnia di circo a cui piace pensare che il corpo sia il campo di gioco del possibile e dell’impossibile. Tecniche circensi, comicità, danza ed energie che li portano in degli immaginari poco probabili e ricerche che girano in tondo. Ciò che conta per loro è l’espressione corporale, la prodezza tecnica, la sorpresa perpetua e il ritmo.
Creato e interpretato da:
Alessandro Maida
Maxime Pythoud
musiche dal vivo Lea Petra